GERMANI, MATCH DI BLASONE PER PRENDERSI LA PRIMA GIOIA

Dopo la sconfitta di Varese, debutto al PalaLeonessa contro Tortona e tra i patron è sfida nella sfida

Brescia. Questione di blasone. Sarà sfida nella sfida al PalaLeonessa. La pazienza chiesta dal patron Mauro Ferrari è già alla prova del nove. Proprio lui per la Germani Brescia, Beniamino Gavino per la Bertram Derthona Tortona: amici e soci anche in affari, saranno co-protagonisti del match. Siederanno vicini? Tra i temi di giornata anche gli ex Joseph Mobio (bresciano doc) e Tyler Cain (il miglior pivot visto a Brescia negli ultimi anni).

Il match. Avrà doppia valenza un’uscita vittoriosa dal campo domani, domenica (palla a due al PalaLeonessa alle 17). Siamo pronti a pensare che Ferrari raddoppierà il premio partita pur di portare a casa i due punti nella seconda di campionato. Di fatto la sua squadra di stimoli dovrebbe già averne (bisogna riscattare il bruciante ko al debutto a Varese) per mettere a segno un’attesissima vittoria nel fine settimana; in cerca della trama vincente di un plot già ben scritto con attori di alta qualità interpretativa, orchestrati da un regista che lavora a metterne in risalto le doti migliori, la Germani si appresta ad affrontare il roster di coach Ramondino, ma anche di Beniamino Gavio. Mauro “Germani trasporti” Ferrari sull’argomento si è già espresso durante la serata evento Bonera dello scorso 14 Settembre in cui ammoniva i suoi dell’importanza di questa partita seppur chiedendo a giornalisti e tifosi di stare calmi e portare pazienza dato che la squadra è nuova e i giocatori devono conoscersi. Il fattore campo dovrebbe avantaggiare i biancoblù in questo caso e lo spera tutto l’ambiente poiché il prossimo fine settimana ha tutta l’aria di essere una grande responsabilità per staff e giocatori con l’ostica trasferta di Trieste alle porte.

Tortona. Orfano del suo centro di ricambio Cattapan, operato al ginocchio nei giorni scorsi dopo la rottura del crociato, in quel di Tortona per colmare l’assenza nel ruolo è arrivato quel Chris Mortellaro, 39 anni, che sembrava destinato a Brescia durante l’estate e che ha militato in diverse squadre italiane ed europee. La neopromossa squadra di coach Ramondino potrebbe pagare l’inesperienza della serie A, tuttavia annovera tra le sue file giocatori di grande esperienza nel massimo campionato come la combo-guard Ariel Filloy che non ha bisogno di presentazioni orami molto conosciuto nei nostri campionati di A1, il playmaker Chris Wright classe 1989 con diverse esperienze in NBA e nei campionati europei (oltre che ex Varese, Torino, Trieste e Reggiana) e Bruno Mascolo tra i migliori realizzatori nella prima partita con Treviso. E ancora: la guardia Jamarr Sanders, ex Casale Monferrato e Fortitudo Bologna, l’ala Mike Daum (15 pt con Treviso) rivelazione d’inizio stagione e Jalen Canon. In campo anche gli ex Brescia: Joseph Mobio (del Villaggio Sereno) e l’esperto Tyler Cain per il quale a Brescia c’è un buonissimo ricordo sia come giocatore che come persona, dotato una intelligenza e intuito cestistico e compattezza tecnica non comuni.

Brescia. Nella Germani come ha annunciato in conferenza stampa lo stesso Alessandro Magro il grosso dubbio è John Petrucelli, che ha fatto solo un rapido allenamento ieri dopo essere rimasto a riposo tutta settimana in seguito all’infortunio alla caviglia subito a Varese. Magro tra le righe ha detto che ci sono anche altri acciaccati, senza entrare nei dettagli. Dopo essere stata triturata a rimbalzo (-13) nel match di Varese, stavolta sarà proprio sotto le plance che bisognerà essere più presenti del solito. E magari servire a Della Valle qualche pallone pulito in più.

Con Bresciacanestro. Il nostro quotidiano on line seguirà il match con la cronaca testuale. A fine partita pagelle, commento, interviste e foto fresche. A fine gara sulla pagina Facebook di Bresciacanestro.com e su quella di Cristiano Tognoli anche la possibilità di commentare subito il match con il nostro direttore tramite i messaggi.

condividi news

ultime news