MAGRO: “VITTORIA DI UNA SQUADRA COMPATTA”

”Dedico il mio primo successo in A a Mauro Ferrari, al mio staff, ai miei giocatori e alla mia famiglia. Non sono stati giorni facili, ero sotto pressione. Si è sentito il pubblico e spero di vederlo ancora più numeroso”

Brescia. Alessandro Magro può finalmente tirare un sospiro di sollievo e godersi il meritato successo.

Cosa pensi della partita di oggi?

“Anche se non conta, è la mia prima vittoria in serie A. La dedico a Mauro Ferrari che ha creduto in me e al progetto che abbiamo costruito e a tutto lo staff che ha sempre lavorato per fare crescere la squadra e il club. Terzo ma non ultimo ai miei giocatori e alla mia famiglia, a mia moglie in questo periodo di pressione. Non sono stati giorni facili… Abbiamo vinto una partita contro una squadra per cui ho totale rispetto. Loro sono arrivati con un livello di fiducia diverso dal nostro e il loro potenziale offensivo si è visto stasera. Rich continua ad essere, nonostante l’età, un grande giocatore. Abbiamo giocato una pallacanestro più corale. Avere un Petrucelli con queste percentuali rispetto alle prime uscite è notevole, ma non solo lui”.

Cosa ti è piaciuto di più dei tuoi?

“Stasera anche nel momento in cui loro sono tornati sotto, noi abbiamo continuato a giocare e a crederci. Abbiamo subito troppi punti,ma se guardiamo i dati oggi ci sono 22 assist e solo 8 palle perse. Ci prendiamo questa vittoria con grande felicità davanti al nostro pubblico e speriamo che sia una di molte”.

Hai trovato una squadra che è riuscita a cavalcare se stessa ?

Sì finalmente abbiamo avuto risposte anche da altri giocatori che non fossero Amedeo Della Valle. La palla si muoveva su altri terminali che hanno fatto bene. Naz è stato molto bravo e lo stesso Tommy quando è entrato ha difeso forte recuperando palloni e ha servito i compagni sempre bene. Abbiamo trovato più equilibrio nelle rotazioni sicuramente. Anche Chris è stato bravo giocando da 4 e da 5”.

Quale aspetto ti è piaciuto di più della tua squadra nella ripresa?

“La cosa che mi rende più orgoglioso nell’allenare questo gruppo è che ci tiene al lavoro che sta facendo e cerca di costruire insieme. Abbiamo avuto degli alti e bassi, ma abbiamo tenuto. Stasera abbiamo sbagliato dei tiri, ma siamo riusciti a restare sul pezzo e questo fa la differenza. Non ci siamo demoralizzati. Bisogna cercare di costruire sempre e con più giocatori possibili. Napoli ha fatto una buonissima partita, è sempre stata reattiva tant’è che ci ha anche superati ad un certo punto, ma noi siamo stati bravi a tenere”.

Oggi un pò di foglie di gelso ve le siete portate a casa?

“Ci vuole tempo ovviamente, l’abito di seta si porta a casa difficilmente. Dopo le sconfitte si hanno giocatori che spingono a migliorarsi e questo è il bello di questo gruppo. Mitrou-Long, lo stesso David Moss anche se torna in panchina per falli è lì ad incitare i compagni sempre, tutti credono in quello che stiamo facendo. Nel momento di difficoltà abbiamo avuto la convinzione di poterlo superare. Siamo stati sorpresi da un cambio di tattica difensivo, Stasera c’è stato un passo avanti importante. La squadra è rimasta compatta. Tutti hanno remato insieme”.

Si è forse riaccesa la scintilla tra la squadra e il pubblico?

“Ci hanno dato una grossa mano e siamo contenti di avergli dato questa gioia. Spero che la gente venga sempre più numerosa per vincere tutti insieme”. Confermo. Si è sentito il calore e il supporto del pubblico e speriamo che in futuro siano sempre di più i tifosi. Li ringrazio e ribadisco che avere un contorno che ti supporta e ti spinge soprattutto nei momenti di difficioltà è fondamentale.

condividi news

ultime news