MOSS: “BUON SEGNALE PER IL FUTURO”

”Orgoglioso per come siamo riusciti a rimanere dentro la partita per 35 minuti contro una squadra da primi posti in Eurolega”

Milano. Come tutte le volte in cui torna a Milano, anche stavolta per David Moss ci sono stati tanti applausi dai suoi ex tifosi. Il capitano della Germani ha dovuto però inchinarsi all’Oimpia.

David, l’obiettivo di stasera era quello di competere contro una squadra forte come l’Armani e per tanti tratti della partita ci siete riusciti. Soddisfatti? 

“Innanzitutto, come ogni partita, il nostro obiettivo era quello di vincere. In effetti siamo stati in partita per trentacinque minuti e per questo sono molto orgoglioso dei ragazzi. Ovviamente con Milano era difficile competere allo stesso livello essendo una squadra molto forte fisicamente e con tanto talento. Buon segno per il nostro futuro è stato che  nonostante la potenza di Milano ci siamo stati per tutta la partita. Ovviamente mi dispiace avere perso. Pensavo che stando sempre in partita avremmo potuto anche vincerla invece negli ultimi tre minuti loro hanno fatto tre canestri importanti che ci hanno penalizzati e che non ci hanno permesso di recuperare”.

Se guardiamo alla partita con Venezia e poi pensiamo alla tenuta di stasera per trentacinque minuti si può dire che il gruppo sta rispondendo bene?

“Assolutamente sì, stiamo seguendo la strada giusta e crescendo ed è un buonissimo segno. La prossima partita è molto importante per noi. Dobbiamo lavorare bene e del resto abbiamo uno staff che ci prepara molto bene in tal senso con i loro programmi gara. Dalla partita con Milano vogliamo assolutamente prendere le cose positive anche se gli ultimi minuti dispiacciono. Siamo consapevoli che possiamo e dobbiamo andare avanti migliorando sempre e rimanendo uniti”.

Come ha detto il coach bisogna vedere il bicchiere mezzo pieno?

“E’ verissimo. A fine partita l’ho detto anche ai ragazzi. Siamo stati a buon livello e competivi per la maggior parte della gara con una squadra nei primi posti di Eurolega, per cui noi dobbiamo uscire a testa alta da questa partita e guardare avanti, lavorare sempre duro per essere più coesi visto che siamo una squadra con tanti giocatori nuovi”.