MAGRO: “CAMBIATO IL VOLTO DIFENSIVO E FATTO UN ALTRO PASSO AVANTI”

”Per 30’ partita perfetta. Se vinciamo anche le prossime due le Final 8 saranno meritate. Sul Covid però ora serve più chiarezza”

Dalla nostra inviata

Treviso. Nel post partita che ha visto la sua squadra avere la meglio sugli avversari in un match quasi stellare, il coach della Germani per prima cosa ringrazia i quattro giovanissimi U19 (Santiago Corona, Francesco “puma di Cellatica” Rodella, Moibo Alleia Ivan e Biatcha Loan Djiya) che in settimana si sono spesi ad aiutare la squadra ad allenarsi mantenendo l’alto livello che sarebbe servito stasera per vincere.

Coach è soddisfatto di come è stata giocata questa partita?

“Sono contento di questa partita al di là di come sia maturato il risultato. La nostra squadra ha cambiato volto difensivo nelle ultime partite ed è stato fondamentale per fare un passo avanti. Ho chiesto ai miei di essere solidi e di fare un passettino avanti. C’era questa volontà e la si è vista anche perché le prossime due partite che ci vedranno in casa con Brindisi e Pesaro saranno difficilissime. Credo che il destino sia nelle nostre mani per provare a staccare un pass per le Final- Eight. Accedervi sarebbe un premio per la società e per i giocatori che stanno lavorando duro per fare il loro meglio. Ci tengo a sottolineare come, in questa vittoria, soprattutto nel momento in cui Treviso è rientrata fortemente in partita dopo l’intervallo, diversi sono stati i protagonisti della gara e cito Burns, Laquintana che hanno dato un apporto fondamentale. Credo che sia la quarta partita più che dignitosa che giochiamo in questo torneo”.

Coach oltre ad essere in quota Final Eight, il gruppo comincia proprio a meritarsela?

“Con questa vittoria abbiamo agganciato Treviso e abbiamo lo scontro diretto a favore. Stessa cosa se vinceremo con Brindisi. Devo fare una menzione al mio staff senza il quale non saremmo dove siamo. Preparare le partite seriamente e con un po’ di tempo ci da’ sicuramente la possibilità di essere più sereni, ma è il gruppo che lavora unito e duro che ci permette poi di ottenere i risultati. Dovessimo vincere le prossime due partite, devo proprio dire che il nostro accesso alle Final Eight sarà meritato”.

La morale in questo momento è non fare troppi calcoli e se possibile si gioca?

“E’ un discorso articolato se ci riferiamo a come viene gestita la situazione Covid. Intanto ci preme la salute dei giocatori e delle persone intorno. Credo però ci sia bisogno di un po’ più di chiarezza e di equità. Ciò che abbiamo deciso è di non fermare l’attività per una settimana visto che avevamo il numero minimo. Ci preoccupava molto non poter allenare la squadra pur avendo il numero di giocatori idoneo per l’ATS perché questo avrebbe rallentato la nostra continuità e il lavoro che stiamo facendo giorno dopo giorno per preparare le gare”.

Coach può dire che è stata la partita perfetta?

“Per trenta minuti si può dire così. Poi abbiamo fatto anche delle stupidate. Credo che ci siamo meritati questa vittoria”.

condividi news

ultime news