LA GERMANI FERMATA SUL PIÙ BELLO

Nel frattempo Milano-Virtus Bologna è stata gara spettacolo nonostante tutto mentre Cremona e Fortitudo Bologna hanno piazzato importanti colpi salvezza

Brescia. In attesa del “tutti dentro” la Germani si ritrova tra le squadre che dovranno recuperare già due partite col rischio di dover surriscaldare i motori visti i probabili recuperi infrasettimanali a pochi giorni di distanza l’uno dall’altro. Nel frattempo gli altri procedono e la matassa potrebbe ingarbugliarsi.

In stand-by. Anche per questo fine settimana la Leonessa è rimasta ai box essendo stato rinviato causa Covid l’incontro con la Carpegna Prosciutto Pesaro. Il roster di Alessandro Magro, che continua comunque ad allenarsi ed ha evitato finora la quarantena completa da parte dell’ATS con stop delle attività, non essendo stato necessario, di fatto rischia di ritrovarsi in un momento di pausa dalle partite giocate abbastanza anomalo che potrebbe diventare stagnante se si dovessero verificare altri stop per positività nei gruppi squadra delle prossime avversarie. E qui è questione di decisioni, a quanto pare diverse di regione in regione e di provincia in provincia, da parte delle ATS, che non garantisce, a nostro avviso, una certa uniformità. Con i biancoblu sono fermi per ora Pesaro, Brindisi e Trieste. Una Germani che ha dovuto fermarsi sul più bello, nel momento in cui (anche se con tre giocatori positivi) stava vincendo e giocando una pallacanestro eccellente (vedi l’ultimo match, quello del 27 dicembre a Treviso).

Le altre. Nel frattempo non c’è di che annoiarsi a seguire gli avversari in campionato perché dal 5 Gennaio ci si è potuti divertire e appassionare con il derby d’Italia andato in scena al Forum tra l’Olimpia Milano e la Virtus Segafredo Bologna che, nonostante a squadre rimaneggiate, hanno dato vita ad un incontro di altissimo agonismo e spettacolo culminato con un bel tempo supplementare e la vittoria dei meneghini (102-99); e si è anche assistito al bel recupero della Reyer Venezia contro la Ge.Vi Napoli spuntato sul filo del rasoio dai gondolieri (79-75) con un Bramos in recupero e un super Watt, vittoriosi anche nel derby-match di sabato 8 Gennaio con l’Aquila Trento (81-94) combattiva e sul pezzo fino alla fine seppur a ranghi ridotti (assenti uomini chiave come Saunders, Bradford e Reynolds ma con Forray e Williams in gran serata) con la magistrale prestazione del ritrovato, a questo punto, Micheal Bramos (20 punti a fine gara con 100% da 2 e 75% da 3pts dopo un fermo per infortunio di quasi nove mesi). Anche Derthona Tortona ha mostrato entusiasmo e gran forma (J.P. Macura e Mike Daum superlativi) vincendo per 84-89 sul campo della UNA HOTELS Reggio Emilia in una partita in cui capitan Cianciarini ha lottato fino all’ultimo per vincerla sui torinesi che guadagnano così due punti preziosissimi verso la Coppa Italia e non si fermano perché proprio il 9 Gennaio ad attenderli al Forum la squadra di coach Messina con la new entry Troy Kell e un Jerian Grant che con più minutaggio è riuscito a fare un grande exploit Mercoledì scorso e potrebbe essere l’uomo pericoloso da ora in avanti fino al rientro degli infortunati Shevon Shields, Gigi Datome, Micheal Delaney, Kōstantinos Mitoglou e Pippo Ricci (per lui però solo periodo di quarantena).

Che domenica bestiale. Quattro incontri hanno animato invece questa domenica di campionato frizzante. A partire dalla bella e inaspettata vittoria nel lunch-match per la Vanoli Cremona che di fronte al pubblico amico, trova il suo MPV in un Andrea Pecchia dalle percentuali infuocate (segna il suo career high con 28 punti e 48 di valutazione) avendo la meglio per 89-80 su una Dinamo Sassari poco brillante e non in giornata. In quel del Forum di Assago è invece sbarcata la Derthona Tortona vittoriosa con Reggio Emilia che, combattiva sin dai primi minuti di gioco riesce anche ad impattare con un parzialone di ben 15 punti all’Olimpia nel primo quarto che si aggiudicherà però il risultato finale per 72-60 dopo un bel match e un gigantesco Ben Bentil, punteggio deciso tuttavia solo nell’ultimo quarto quando i torinesi hanno mollato le redini non avendo forse ancora ben recuperato il match precedente (rischio che corrono tutte le squadre e la stessa Brescia che non gioca una gara dello scorso 27 Dicembre purtroppo). A Bologna invece il Paladozza accende i suoi riflettori per le due gare della UNA HOTELS Reggio Emilia di capitan Cinciarini che non ci sta a fare la parte della Cenerentola in campo e con grande intensità di gioco prova a mettere in difficoltà gli avversari di una Virtus Segafredo (vincente nel finale 81-90) di un ritrovato Isaia Cordinier che però deve rinunciare alla sua attuale punta di diamante o quantomeno uno dei suoi uomini più in forma al momento, Kyle Weems (positivo al Covid da ieri e in quarantena) e, ahimè, a meno di un minuto dal termine anche al suo assist man assoluto (18pts e 9 assist per lui questa sera) Milos Teodosic per il quale c’è un infortunio, speriamo non troppo grave, al ginocchio.

A chiudere questa domenica, l’animata “sfida salvezza” tra le ultime della classe ma che per il match intensissimo e di grande spessore che si è appena concluso al Paladozza meritano a tutti gli effetti il riconoscimento di “miglior gara” di giornata; perché Fortitudo Pallacanestro Bologna 103 e Open Job Metis Varese (101-94), tra le squadre con più ribaltoni in atto nelle ultime settimane si sono affrontate in una gara che ti fa dire “We Love this game”, da stare attaccati alla sedia fino all’ultimo centesimo! Sin dai primi minuti si è visto che nessuna delle due avrebbe rinunciato alla vittoria costi quel che costi sia per una questione di fuga dal fondo classifica che per orgoglio di due signore squadre nonostante tutto e lo dimostrano le percentuali stratosferiche già del primo tempo (69,2% da 2 e 17 rimbalzi per i bolognesi; 69,6% da 2 e 13 rimbalzi per i varesini con un Alessandro Gentile a referto con 17 punti nei primi 20′ di gioco) e l’altissimo ritmo della gara che ha visto Robin Benzing (29pts), Pietro Aradori (12 pts e 6 assist), lo stesso Alessandro Gentile (28pts e 5 assist) e Anthony Beane (25pts) tra i suoi protagonisti indiscussi.

condividi news

ultime news