HAPPY CASA BRINDISI, A SUONARE LA CARICA E’ IL PRESIDENTE FERNANDO MARINO: “CON LA GERMANI PARTITA DI CARTELLO, CI SERVONO I NOSTRI TIFOSI”

Nell’ intervista a “La Gazzetta di Brindisi”, il presidente della Happy Casa auspica un afflusso di pubblico delle grandi occasioni visto l’aumento al 60% di capienza e parla del ventesimo confronto in serie A tra la sua squadra e quella di Brescia come di un match entusiasmante sia dal punto di vista tecnico che di classifica

Brindisi. Le parole del presidente dell’Happy Casa: “Speriamo sia l’inizio di una sempre più rapida apertura al pubblico vista la considerevole decrescita della situazione pan­demica delle ultime settimane. Saranno 700 in più ma ancora ne mancano altri 1400 circa e sappiamo bene quanto il nostro pubblico sia de­terminante per il rapporto diretto con i ragazzi in campo. Non vediamo l’ora di rivedere il PalaPentassuglia colmo di gente e passione per lasciarci alle spalle questi due anni di sacrifici”.

E sulla partita di domani: “Con la nuova Arena, il match contro la Germani Brescia si sarebbe vissuto in modo ancora più emozionante; sicuramente il PalaEventi sarebbe stato sold-out per una partita di cartello così entusiasmante dal punto di vista tecnico e di classifica. Ci vuole ancora un po’ di tempo ma siamo positivi, ci au­guriamo, come sempre abbiamo detto, di poter porre la prima pietra nel più breve tempo pos­sibile”.

Inoltre, parlando del futuro prossimo sul parquet della Happy Casa, lo stesso Marino fissa il primo target da raggiungere: “Naturalmente la permanenza in Serie A ri­mane il nostro scudetto, l’obiettivo principale di ogni annata. Ci manca qualche vittoria sfumata in questa prima parte di stagione, ma sin dalla prossima partita avremo undici finali da af­frontare al meglio al fine di ottenere il miglior risultato possibile a fine campionato. Final­mente potremo avere riscontro del­la nuova amalgama creatasi all’interno del gruppo a seguito degli innesti e delle partenze del mese scorso. Dobbiamo es­sere consapevoli della nostra forza e affrontare partita dopo partita gli ostacoli che trove­remo di fronte, al di là dell’avversario che andremo a incon­trare”.

condividi news

ultime news