LO SFOGO DI MAURO FERRARI: ”SE IL GOVERNO NON INTERVIENE URGENTEMENTE, IL BASKET E’ DESTINATO A SCOMPARIRE”

“Servono diritti televisivi tramite le reti di stato. Siamo una macchina montata al contrario”. E ad Ario Costa che ha definito la Germani una squadra da scudetto, risponde così: ”Io dico invece che vedo Pesaro bene in Eurocup la prossima stagione…”

San Zeno. Alla conferenza stampa di Alessandro Magro, convocata per commentare i temi dell’antivigilia di Carpegna Prosciutto Pesaro-Germani Brescia, è intervenuto anche il patron della Pallacanestro Brescia Mauro Ferrari. Come prima cosa ha voluto rispondere ad Ario Costa, che in un’intervista ha detto che la squadra di Magro ha tutto per puntare allo scudetto già da quest’anno: ”Io dico invece che vedo bene Pesaro a giocare in Eurocup la prossima stagione”. La si potrebbe definire una contro gufata per metterla sul ridere, ma l’espressione con cui Ferrari ha pronunciato queste parole non era per niente divertita. E’ evidente che il patron sia rimasto infastidito da una dichiarazione che mette pressione sulla Germani, una squadra capace di ottenere già un risultato che non può chiaramente pensare di competere fino alla fine con due squadroni come Milano e Virtus Bologna. Ed è evidente che Pesaro, prima di tutto ancora impegnata nella lotta salvezza, non può certo pensare all’Eurocup.

Un sistema da rifondare. Mauro Ferrari ha poi affrontato un discorso che gli sta particolarmente a cuore e del quale si sta facendo porta bandiera anche nelle varie riunioni di Lega. ”Prendo spunto da quanto successo ieri alla Nazionale di calcio: la mancata qualificazione ai prossimi Mondiali è una catastrofe sia sul piano dell’immagine che su quello economico. Non penso sia esagerato dire che l’Italia perderà uno o due punti di Pil. Oggi lo sport italiano sta vivendo il peggior periodo del Dopoguerra. Roberto Mancini va solo ringraziato per quanto ha fatto finora perchè la squadra è la stessa con cui ha vinto gli Europei e così anche l’organizzazione che c’è alle spalle. Venendo al basket, il Governo deve intervenire pesantemente con le reti di stato sui diritti televisivi se vuole che questo sport non scompaia, altrimenti è destinato a farlo perchè c’è una data di scadenza e la sabbia nella clessidra è sempre di meno”.

Il grido di allarme. ”Le ultime gare dei diritti televisivi per il calcio – ha continuato Mauro Ferrari – erano su una base annua di 900 milioni di euro, noi club di basket di serie A quest’anno non riusciamo ad arrivare a 100.000 euro incassati a testa. Sport come il nostro, la pallavolo e altri cosiddetti inferiori se non avranno un aiuto urgente non potranno continuare ad avanti grazie a dei benefattori. Bisogna rifondare i settori giovanili: la Pallacanestro Brescia ha iniziato a lavorare sette mesi fa con uno staff giovane, ma oggi che siamo reduci da undici vittorie consecutive abbiamo lo stesso valore patrimoniale che avevamo a novembre quando avevamo perso non poche partite. Dovrebbe esserci un valore aggiuntivo per quanto i miei dirigenti, allenatori e giocatori sono riusciti a fare finora, ma non c’è perchè il sistema è sbagliato: il basket è una macchina montata al contrario. Abbiamo riportato in Italia un giocatore come Della Valle che nessuno avrebbe riportato nel massimo campionato. Noi non siamo certo stanchi perchè il progetto è solo all’inizio, ma dobbiamo guardare a tutto il movimento. Spero che questo messaggio venga recepito urgentemente”.

condividi news

ultime news