PETRUCELLI: “NON E’ ANCORA IL MOMENTO DI RALLENTARE, AI PLAY OFF VOGLIAMO ARRIVARE CON UNA MENTALITA’ VINCENTE. LA NAZIONALE AZZURRA E’ IL MIO SOGNO”

“Amo Brescia e in questo momento, in vista dell’anno prossimo, non mi vedo in un altro posto lontano da qui. Il mio compito è difendere, ma se c’è da tirare non mi tiro indietro. Adoro scoprire i ristoranti bresciani”

Brescia. Un John Petrucelli a tutto campo quello che si è concesso in esclusiva ai nostri microfoni e taccuini dopo la tredicesima vittoria consecutiva della Germani e nella settimana che porta al match di sabato a Napoli contro i grandi ex Vitali e Buscaglia (e Zerini). Dall’impegno a continuare a spingere duro nonostante il terzo posto ormai acquisito, alla “scoperta” di essere anche un ottimo realizzatore e non solo un eccellente difensore fino al sogno della maglia azzurra, passando per il suo ruolo di imprenditore nell’extra basket.

Secondo te è arrivato già il momento in cui si può rallentare visto il terzo posto messo in cassaforte e quindi risparmiare energie per i playoff oppure bisogna continuare a spingere e lavorare duro magari per andare a prendere Milano al secondo posto?

“Penso che sia importante per noi mantenere il nostro ritmo e non prenderci break pensando che essere terzi ci permetta di rilassarci. E’ importante in questo momento non rilassarsi; non possiamo prenderci pause, il nostro obiettivo è quello di arrivare innanzitutto in un buono stato di forma pensando che ogni partita è ancora importante e ci teniamo ad arrivare ai play off con una mentalità assolutamente vincente lavorando positivamente ogni giorno e durante ogni gara”.

Questo status di Italiano che avrai a breve potrebbe cambiare qualcosa per te l’anno prossimo, avresti più mercato anche in Italia. Resteresti volentieri a Brescia o penseresti di giocartela di più sul mercato?

“Amo Brescia, amo la squadra e il club, quindi è qualcosa che sicuramente verrà messo in discussione eventualmente a fine stagione. In questo momento non mi vedo altrove e il mio obiettivo in questo momento è concentrarmi sul finale di stagione e prepararmi bene per i play off”.

Una volta che diventerai anche Italiano ti piacerebbe giocare anche con la Nazionale Azzurra?

“E’ sicuramente un obiettivo, indossare la maglia della Nazionale Italiana sarebbe un sogno che si avvera e spero proprio che potrò avere questa opportunità. Mi piacerebbe davvero”

Quando sei arrivato ti hanno presentato come un grande difensore, ma a quanto pare, sei anche un ottimo realizzatore. Stai alzando le medie realizzative rispetto agli altri anni? Ti aspettavi di doverti prendere queste responsabilità anche in attacco?

” Giocando a basket fin dai tempi del College sono stato abituato a fare quello che la squadra e che le situazioni di gioco mi richiedono; la difesa è sicuramente il mio piatto forte ma i coach stanno facendo in questo senso un grande lavoro e danno responsabilità anche a me. E se mi chiedono di realizzare io eseguo. Credo che anche il segreto di questa squadra sia quello di non lasciare le responsabilità offensive solo nelle mani dei due principali terminali offensivi ma quando mi si chiede di tirare o di essere d’impatto anche offensivamente sicuramente non mi tiro indietro e cerco di fare ciò di cui ha bisogno la squadra”

.Sabato si gioca a Napoli dove ora gioca anche Luca Vitali che per qualche mese, anche se non con la squadra, si allenava qui a Brescia. Sei riuscito a conoscerlo? Hai avuto un buon rapporto con lui?

“Non l’ho conosciuto sul campo, l’ho incontrato come giocatore quando giocavo a Ulm l’anno scorso. Fuori dal campo ho avuto qualche interazione, so che è ancora amico di alcuni compagni di squadra. So che è un buon giocatore e un bravo ragazzo e non vedo l’ora di avere battaglia con lui”.

In Italia, oltre a pasta e pizza, hai scoperto un piatto particolare che ti piace mangiare?

” Pensandoci, non un piatto in particolare, il cibo in generale qui mi piace. Amo il sushi che è molto buono, ho mangiato lo spiedo. Sono andato in alcuni ristoranti bresciani raccomandati da David Moss e Amedeo Della Valle e ho sempre mangiato bene”.

Ti piace scoprire i vari ristoranti di Brescia?

“Sì lo adoro”.

Tu sei un imprenditore, hai una piccola azienda negli States con tuo fratello e da quando sei qui hai lanciato il tuo brand di outfit; tramite la Pallacanestro Brescia hai avuto modo di visitare di persona delle aziende bresciane che sono tra gli sponsor della squadra. Che impressione hai avuto delle nostre realtà imprenditoriali?

“Sì è stato molto interessante visitare le varie aziende. Ciò che mi ha colpito in particolare, a differenza della zona in cui vivo, soprattutto nella zona di New York, è la pulizia che c’è negli ambienti nonostante siano aziende enormi, si cura molto l’ordine e la pulizia. Inoltre mi ha impressionato molto bene vedere come la vita aziendale sia molto legata e affezionata alla squadra che sponsorizzano, si vede che c’è una grande passione dalle tante fotografie e maglie anche delle squadre del passato appese alle pareti negli uffici. E’ molto bello vedere questo”.

condividi news

ultime news