PAGELLE E GIUDIZI: CAUPAIN SFIORA LA TRIPLA DOPPIA, ODIASE DECISIVO PER L’ALLUNGO, OTTIME LETTURE DI MASSINBURG

Gabriel sale di colpi, Della Valle utile non solo da bomber, Cobbins si fa sentire, Cournooh gravato di falli, Moss non si risparmia, Akele esce alla distanza. E che bravo il baby Tanfoglio

Kenny Gabriel 6,5: sale nettamente di colpi nel terzo quarto, in cui rifila una stoppata “stereofonica” a Forray e inizia a catturare rimbalzi importanti. Non ripete la prestazione quasi perfetta al tiro che aveva sfoderato con Varese (oggi 2/6), ma dà comunque sostanza alla Germani. 

Nicolas Tanfoglio 7: 8 punti segnati, grazie a due triple e altrettanti tiri liberi. Qui si gioca sul serio perché la stagione è alle porte: ma il numero 4 non si tira indietro e si prende i meritati applausi dai compagni e dal pubblico presente. 

CJ Massinburg 7,5 (foto in evidenza): alternato con Caupain nel ruolo di playmaker (è ancora assente Tommaso Laquintana), legge perfettamente molte situazioni nella metà campo d’attacco e smazza 8 assist, a cui aggiunge 10 punti. Non sempre perfetto in fase di finalizzazione, la sua partita in ogni caso è positiva ed è un ottimo viatico per una stagione in cui avrà tante responsabilità con la palla in mano. 

Gabriele Ghidini ne

Amedeo Della Valle 7: non è l’Amedeo “all-around” visto con Varese, seppur la sua prestazione non sia negativa. Risulta comunque essere il miglior marcatore di Brescia con 11 punti, a cui aggiunge 4 rimbalzi, 3 assist e 2 recuperi. Anche nei momenti in cui si prendono i riflettori i compagni, trova il modo di rendersi utile: ottima notizia per Brescia.

Un arresto e tiro di Amedeo Della Valle // Ciamillo-Castoria

Troy Caupain 8: non è proprio serata al tiro. Conclude con un modestissimo 4/16, ma va a soli 2 assist dalla tripla doppia! Per lui sono 11 punti, 10 rimbalzi e 8 assist, con 4 perse e 3 recuperi. Guida bene la transizione bresciana quando ha la palla in mano e i suoi rimbalzi non sono casuali. Con lui che cattura le carambole difensive sfruttando la sua stazza, Brescia può partire bene in contropiede e questo è un valore aggiunto notevole per uno del suo ruolo. 

John Petrucelli ne

Mike Cobbins 6,5: si fa sentire sotto canestro, con il suo “vocione” a mettere in ordine la difesa bresciana. In meno di 20 minuti prende 5 rimbalzi, subisce falli importanti nell’ultimo quarto ma…. i tiri liberi non entrano mai (0/6). Stasera meglio il compagno di ruolo Tai. 

Tai Odiase 7: non si vede molto nel primo tempo, ma nel terzo quarto è decisivo nel parziale che porta all’allungo bresciano. Qualche indecisione in difesa che fa arrabbiare Magro ma la prova è molto buona, soprattutto considerando il secondo tempo in cui sale molto di livello anche in attacco (chiude ancora in doppia cifra): “rolla” con i tempi giusti e va a canestro con decisione e anche spalle a canestro riesce spesso a ottenere liberi o tiri da sotto. 10 punti, 5 rimbalzi, 5 falli subiti. 

Tai Odiase si fa largo sotto canestro // Ciamillo-Castoria

Chris Burns ne

David Cournooh 6: anche questa partita non è quella di David. Esce per 5 falli già nel terzo quarto, dopo soli 12 minuti in campo in cui tutto sommato era anche riuscito a dare una mano alla squadra… ma è costretto a lasciare il campo prematuramente.

David Moss 6,5: non si risparmia neanche stasera, nonostante i 20 minuti giocati contro Varese solo 24 ore prima (e in maniera più che convincente). Ci mette il solito impegno in difesa (3 recuperi) e segna 7 punti importanti: con la sua esperienza riesce a lasciare il segno nelle due metà campo. 

David Moss e Toto Forray: le bandiere di Brescia e Trento // Ciamillo-Castoria

Nicola Akele 6,5: partenza molto in sordina, ma poi viene fuori con tante cose positive. Non è il tipo di giocatore straripante a livello offensivo e particolarmente spettacolare: più che altro fa tante cose utili, tra cui una bella stoppata e un canestro da 2 punti a 2 minuti dalla fine che si rivela fondamentale, in un momento della partita in cui nessuno riesce a segnare. E 6 rimbalzi, che male non fanno…

Una schiacciata di Nicola Akele // Ciamillo-Castoria