GERMANI, IL MISTERO DEL TABELLONE DI RIGA

Problemi con gli arbitri e i giudici al tavolo, tra punti dati e tolti

Brescia. Dopo la sconfitta con il Prometey anche Alessandro Magro ha avuto qualcosa da ridire sugli arbitraggi delle competizioni Euroleague, che hanno alimentato polemiche in tutta Europa nelle ultime settimane. Oltre a diverse decisioni arbitrali alquanto discutibili (ieri sono stati ravvisati ben 44 falli), si stanno verificando diversi problemi relativi alle attrezzature e al lavoro degli ufficiali di campo e ieri, in questo senso, sono stati commessi errori gravi. 

Anche nelle ultime due partite al PalaLeonessa ci sono state irregolarità in tal senso: contro Trento ci fu un errore del tavolo che tolse ingiustamente un punto alla Dolomiti Energia (ricordiamo però che la LBA è di competenza FIBA) mentre con Badalona l’uso ricorrente dell’instant replay fece prolungare la partita ben oltre le due ore e un quarto. Ieri sera invece ci sono stati continui errori del tavolo e degli arbitri, che hanno provocato diversi stop alla gara e “falsato” il punteggio per più di un quarto: ecco cos’è successo.  

La ricostruzione. L’origine del problema risale a metà terzo quarto (precisamente al minuto 25’) quando Clavell segna il canestro del 45-41: come si può vedere nei frame sottostanti, il canestro viene contato per due volte e al Prometey vengono aggiunti 4 punti invece che 2. I punti numero 46 e 47 agli ucraini, infatti, vengono contati erroneamente mentre la palla è in mano a Brescia. 

Dopo 30 secondi, gli ufficiali di campo si accorgono dell’errore e tolgono i due punti al Prometey, che torna correttamente a quota 45. 

Ma gli arbitri, clamorosamente, non vengono avvisati di questa correzione e un minuto dopo (a 4’ dalla fine del 3Q) vanno all’instant replay per controllare: la partita si ferma inutilmente per ben 9 minuti. Al termine di questo lunghissimo consulto vengono tolti erroneamente altri 2 punti al Prometey, che a questo punto scende addirittura a quota 43 punti quando dovrebbe trovarsi a 45. 

Dopo queste lunghissime interruzioni (deleterie per i giocatori in campo e per la partita) l’incontro prosegue, ma con il punteggio sbagliato: sul tabellone di Riga gli ucraini si trovano ingiustamente due punti in meno, mentre sul play-by-play in Eurolega il parziale è corretto. Ecco evidenziata nelle immagini seguenti la differenza nel punteggio, che si protrae dalla seconda parte del terzo quarto fino al quarto minuto dell’ultima frazione.

Si prosegue per quasi 10 minuti di partita con il punteggio errato, fino a quando nell’ultimo quarto (a 6:07’ dalla fine dell’incontro) vengono restituiti i due punti al Prometey, con il punteggio che da 66-58 viene modificato nel corretto 68-58. Come dichiarato da Magro nel post-partita, sono errori gravi, che condizionano l’andamento e il ritmo della partita: nel caso non venissero ravvisati prima del termine della gara, inoltre, andrebbero ad invalidare il risultato finale. 

condividi news

ultime news