FERRARI: “RIPARTIAMO DA MAGRO CON ALLUNGAMENTO DEL CONTRATTO, DE BENEDETTO ALMENO FINO AD AGOSTO E NON FAREMO L’EUROCUP, TRIENNALE A DELLA VALLE”

San Zeno. Ecco la cronaca di quello che è stato il pomeriggio nella sede della Pallacanestro Brescia a San Zeno dove Mauro Ferrari ha illustrato il programma della prossima stagione.

Ore 16.36 In attesa che cominci la conferenza stampa di Mauro Ferrari dalla sede della Germani Pallacanestro Brescia filtrano le prime indiscrezioni: oltre a Magro, che vedrà il suo contratto allungato di un anno (fino quindi al 2025), ma con possibile uscita al termine della prossima stagione, resta anche Marco De Benedetto (presente in questo momento in sede). La Germani non parteciperà alla prossima Eurocup.

Ore 16.39 E’ arrivato Mauro Ferrari.

Ore 16.40 Sono arrivati anche Alessandro Magro e Amedeo Della Valle.

Ore 16.42 Mauro Ferrari: “Io sono l’ad della Germani Spa che controlla la Pallacanestro Brescia. Ho delle deleghe per conto della Germani Spa. Non sono il proprietario. Giusto per chiarire”.

Ore 16.44 Mauro Ferrari: “In questo mese è stata caricata l’attesa dai media. Non vedevo necessità di comunicare chissà cosa. Ho cominciato a leggere nomi di allenatori, direttore sportivi, giocatori, ma in questo periodo non ho incontrato alcun procuratore. Per la stagione prossima il nostro coach sarà ancora Alessandro Magro per concludere il progetto triennale, che finora ci ha dato buone soddisfazioni. In campionato quest’anno potevamo fare di meglio, ma visto quanto fatto l’anno scorso e quest’anno con la vittoria della Coppa Italia per concludere il progetto. Con Magro ci siamo trovati d’accordo su come muoverci per il prossimo roster, il che mi ha portato a fargli firmare altri tre anni di contratto visto che mi ha detto che si trova molto bene e mi ha detto che vuole dare indietro altro a questa città. Al fianco di Magro ci sarà Matteo Cotelli con più responsabilità e visione sportiva. Lo staff sarà più leggero”.

Ore 16.47 Ferrari: “Abbiamo firmato un nuovo triennale anche con Della Valle, un contratto senza alcun tipo di uscita. E’ un accordo che lo porterà a stare con noi fino ai 33 anni, in piena età di maturazione”.

Ore 16.48 Ferrari: “Anche De Benedetto resta con noi. Il suo contratto da direttore generale scadeva il 30 giugno, da luglio e agosto ci darà una mano importante nel suo lavoro di scouting per completare al meglio il prossimo anno. Vedremo se sarà con noi anche nel prosieguo della prossima stagione”.

Ore 16.49 Ferrari: “Non faremo l’Eurocup perchè non ce la siamo guadagnata sul campo. Abbiamo ritenuto opportuno non richiedere la wild card, è stata una decisione del Cda. Vogliamo guadagnarci questa competizione sul campo. Punteremo quindi tutto su campionato, Supercoppa e Coppa Italia”.

Ore 16.50 Ferrari: “Visto che abbiamo finito prima degli altri, inizieremo prima: a inizio agosto inizieremo a lavorare”.

Ore 16.51 Ferrari: “Inseriremo nel Cda una figura con delle deleghe, ma è presto per dire chi è. Non abbiamo mai pensato a Trainotti, che è giusto continui a lavorare per la Nazionale”.

Ore 16.53 Ferrari: “Non sarà una Germani meno preparata. Abbiamo giocato 52 partite, una cosa impressionante. Ci dedicheremo di più al campionato, ma non saremo meno deboli dell’anno scorso. Faremo un qualcosa che ci farà divertire”.

Ore 16.54 Magro: “Ricominciamo da domani a preparare la prossima stagione. Non facendo la coppa non servirà un roster profondo come nell’ultima stagione, ma vogliamo rinforzarlo per far divertire”.

Ore 16.56 Ferrari: “Dispiace per quanto accaduto al Brescia calcio, siamo andati tutti in tribuna per il Brescia. Prima squadra della città ? Locomotiva trainante? Per ora non sentiamo questo peso, ma vorremmo dare soddisfazioni alla città già con la Supercoppa. Magari il Brescia farà un campionato avvincente in C, magari la FeralpiSalò e il Lumezzane anche creeranno entusiasmo. Vogliamo far divertire le famiglie più di quanto già fatto. In viaggi in Europa a volte si trasformano in gite: ci sono pochi ritorni, sottoponendo gli atleti a viaggi massacranti e noi abbiamo pagato questo in fatto di infortuni, anche se abbiamo messo qualcosa di nostro in certe partite. Avremmo potuto fare i play off, che per fortuna di Milano e Bologna sono scontatissimi, ma purtroppo per le altre che non sono riuscite a creare più di tanto competizione. Sarà una finale scudetto molto interessante da vedere, anche perchè chi perderà finirà la stagione senza titoli”.

Ore 17 Ferrari: “Il budget rimarrà lo stesso perchè abbiamo un numero importante di atleti sotto contratto. Lo staff? Era importante, alcune figure non faranno più parte della nostra struttura. Si accaseranno altrove. De Benedetto ha già comunicato a chi di dovere, li ringrazio comunque perchè hanno contribuito a conquistare la Coppa Italia. Quest’ultimo è un trofeo particolare: ad esempio Torino lo vinse e poi scomparì. Poi lo vinse Cremona, che era stata ripescata dopo la retrocessione. La Coppa Italia è importante, ma non la vince la più forte bensì la più in forma. La penalizzazione di Varese ha riacceso una speranza per noi poi andiamo a Reggio Emilia e vinciamo dopo che Michele Vitali si fa male, da lì Della Valle è più libero e ribaltiamo la partita. A Tortona siamo rimasti in gara grazie a Christof che fa solo un libero altrimenti nemmeno avremmo fatto il supplementare. Siamo arrivati a Scafati a giocarci i play off, ma avremmo potuto arrivarci in una condizione ben diversa. Non dobbiamo soffermarci troppo sulla Coppa Italia, altrimenti avremmo un’immagine offuscata della nostra annata. Va anche detto che nella classifica delle ultime otto partite la Germani sarebbe terza dopo Venezia e Milano. Potevamo stare tra il terzo e il quinto posto per tutta l’annata, magari senza infortuni. Per questo voglio dare ancora fiducia a questi ragazzi. Si fa prima a distruggere che a costruire. Ci vuole pazienza, cosa che non tutti nelle ultime quattro settimane hanno avuto”.

Ore 17.07 Ferrari: “Il premio di miglior allenatore porta un po’ sfiga quindi in bocca al lupo a Ramondino per la prossima stagione visto che lo stimo. Quest’anno per me questo premio lo meritavano Brase e Galbiati, che a Varese hanno fatto una grande cosa”.

Ore 17.08 Ferrari: “Il basket in Italia è strano. Logan ad esempio fa impazzire Petrucelli dopo 48 ore gioca contro Nardò in Coppa Italia. Sono cose poco belle, pensate ai ragazzi di Nardò che hanno lottato per andare ai play off e poi si trovano contro Logan. Allora anche noi potevamo farci prestare Diop per giocare la Coppa Italia visto che avevamo Cobbins infortunato. Non è giusta nemmeno la compravendita dei diritti sportivi: ho rispetto per il basket femminile a Brescia, ma perchè per due anni devono essere salite comprando il titolo dopo non essere salite e o retrocesse. E’ un messaggio sbagliato per i giovani. E non ho nulla contro Cantù ci mancherebbe, visto che mi sono sentito con Santoro e se gli servisse visto che hanno il campo squalificato potrebbero anche giocare il resto dei play off al PalaLeonessa”.

Ore 17.11 Ferrari: “Non abbiamo valutato altre possibilità di Coppa europee. Non è che se abbiamo un palasport vicino all’autostrada o agli hotel allora meritiamo di giocare una Coppa europea. Non ritengo giusto che la Germani faccia una coppa essendo noi arrivati a pochi punti dalla zona retrocessione. Se altri decidono di fare comunque le coppe ognuno fa quello che vuole. Il basket non deve essere come a scuola dove lo scolaro prende 4 in pagella e poi arrivano i genitori e li portano in un’altra scuola”.

Ore 17.15 Ferrari: “La Supercoppa sarebbe giusto farla in Italia, penso ci siano pochissime possibilità che si giochi a Dubai. Chi di dovere si starà adoperando con gli sponsor per vedere se nelle casse delle società partecipanti possano entrare somme ingenti, ma ho già parlato con Tortona e credo che anche Bologna e Milano siano d’accordo che per andare a Dubai deve esserci un accordo veramente importante sul piano economico. Altrimenti non bisogna togliere ai tifosi italiano questo spettacolo. Viste le capacità economiche di Milano e Bologna e il budget di Tortona e nostro, se non ne vale la pena giocheremo in una delle quattro sedi dove deciderà il dottor Gandini”.

Ore 17.19 Ferrari: “Cercheremo di confermare più giocatori possibili, faremo pochi innesti e mirati. Stiamo aspettando la decisione di Petrucelli, gli abbiamo solo chiesto di farcelo sapere il più possibile”.

Ore 17.20 Ferrari: “Stiamo lavorando molto bene anche sul settore giovanile. La prossima settimana l’Under 17 farà le finali nazionali. Risorse non banali anche la prossima stagione saranno riservate al settore giovanile. In chiusura voglio ringraziare mio padre Faustino Ferrari, per il budget che ci mette sempre a disposizione”.

Ore 17.23 Ferrari: “Penso che abbiamo dato un messaggio importante e di serietà a tutta la città con le nostre decisioni. Ora ci dedicheremo al lavoro sugli sponsor e gli abbonamenti”.