GERMANI PER FARSI SUBITO STRADA NEL RICORDO DI ROBERTO E FAUSTINO

Questo sabato alle 20 al PalaLeonessa il match con la Vanoli Cremona per il “Memorial Ferrari”, che quest’anno ha duplice significato

Brescia Dopo il giro di ricognizione andato in scena martedì con gli universitari di San Diego, inizia qui e ora la stagione della Germani Pallacanestro Brescia. Si (ri)parte da una settima edizione del “Memorial Ferrari” che sarà più che mai del cuore e dal sapore dolceamaro in un torrido sabato sera di fine agosto al PalaLeonessa con palla a due alle 20. Il match segnerà l’inizio di un viaggio nell’infinito per chi è da poco andato, papà Faustino, che con Roberto si ritroveranno in un dove a noi sconosciuto, e un viaggio sportivo: quello della Pallacanestro Brescia tanto amata, tifata e voluta proprio dal fondatore di Germani S.p.a. Comunque un viaggio in cui lo scopo non sarà mai la meta, ma il viaggio stesso con tutte le sue sfumature.

L’esordio. Il primo test con i Tritons dell’Università di San Diego, seppur non al completo (importanti le assenze di Petrucelli, Massinburg e Christon che si prolungheranno ancora per qualche giorno) ha fotografato una Germani Brescia dall’affiatamento avviato, dal fisico tonico e reattivo e che sembra avere nelle corde una buona attitudine a divertirsi e a far divertire. Bilan impera in area e Cobbins esperimenta così il post basso, Burnell non si tira indietro nello spettacolo, Della Valle dalle pelle ambrata dal sole estivo sfoggia un’espressione sorridente mentre fa esercizio di mira dalla lunga, Gabriel, Cournooh e Akele ringalluzziti e in super linea non si fanno desiderare nonostante i torrenti di sudore si sprechino. Questo fa ben sperare in una stagione in cui, a nostro avviso, ad impressionare, visti sul campo proprio lo scorso martedì in quel di Verolanuova, potranno ritagliarsi uno spazietto anche i più giovani Tanfoglio e Porto già decisamente inseriti: piglio tutt’altro che timido il primo, prestanza fisica il secondo. Questo sabato l’esordio sul campo del palazzo amico sarà una buona occasione per oliare ulteriormente gli ingranaggi e anticipare il pre-lancio stagionale del training camp di Ponte di Legno (dal  28 agosto al 3 settembre) in previsione di altri due test-match che vedranno poi il roster di Alessandro Magro impegnato con Pallacanestro Cantù venerdì 1 settembre alle ore 18 al Palazzetto dello sport Cepina di Bormio e il giorno successivo con la Pallacanestro Varese al Palascieghi Pini di Sondrio prima della presentazione ufficiale che si svolgerà a Ponte di Legno domenica 3 settembre.

Cremona. In questo nuovo “Memorial Ferrari”, Brescia ritrova i cugini della Vanoli Cremona, tornati meritatamente nella massima serie dopo un solo anno di purgatorio. Il restyling del club fortemente voluto dal patron Aldo Vanoli, altro pilastro ventennale della Pallacanestro della massima serie e noto oltre che per la passione viscerale per la palla a spicchi anche per le gestioni sempre oculate e mai fuori dalle righe, è valso la conquista della Coppa Italia nella Wild West di A2 e appunto la vittoria del campionato. Quest’estate la guida del roster è stata confermata ad un volto noto e di lunghissima e grande esperienza come quello di coach Demis Cavina (ex anche di Sassari) il quale ha mantenuto il nucleo forte della scorsa stagione cui fa capo il carismatico Andrea Pecchia (tornato a tutto tondo sui campi da gioco dopo il grave infortunio della stagione 2020-2021) con Trevor Lacey, Paul Eboua (ex Brescia), Davide Denegri, Matteo Piccoli e la guardia Wayne Mc Collough. A loro sono stati aggiunti il combattivo play Jordan Bone (di se stesso dice di “essere un vincente che ama la competizione e meno perdere”), l’ala Nathan Adrian e Simone Zanotti (mentre la giovane promessa Filippo Gallo è andato in prestito a U.C.C. Piacenza dopo il prestito a Orzinvuoi), ma grande curiosità desta il centro Golden Grant, draft NBA nel 2022 e 208 cm di vecchia scuola, che al trofeo Ferrari potrebbe fare scintille nei duelli con Bilan.

Vivetela con noi. Su Bresciacanestro.com la cronaca testuale del match e foto fresche del match. Seguiranno interviste, commento e pagelle.