FOCUS SUPERCOPPA: PREGI E DIFETTI DI TORTONA, MILANO E BOLOGNA

I piemontesi hanno perso attaccanti di qualità come Christon e Macura, ma allungano le rotazioni con Weems stella cometa. I meneghini, che hanno piazzato il colpo Mirotic, restano i favoriti anche senza Baron e Flaccadori e con cinque giocatori aggregati da poco. Felsinei con lo switch Scariolo-Banchi, senza Dobric e col dubbio Lundberg

Brescia. Siamo entrati ufficialmente nella settimana della Supercoppa LBA, in cui verrà assegnato il primo trofeo della stagione. La Germani dovrebbe presentarsi alla competizione del PalaLeonessa al completo dopo quasi due mesi di preseason che hanno dato segnali incoraggianti. Con quali roster e in che condizioni si presenteranno invece Tortona, Milano e Virtus Bologna? Ecco la situazione delle tre sfidanti della Leonessa.

Tortona punta sempre più in alto. La squadra piemontese vuole alzare ancora l’asticella e proverà a farlo fin dalla semifinale contro Brescia. Il roster dei piemontesi è profondo e il quintetto di qualità, anche per affrontare la BCL (la Champions League del basket). L’ingaggio di Kyle Weems ha portato in Piemonte un giocatore da primo quintetto LBA, Retin Obasohan fornisce esperienza e qualità anche da Eurolega, Chris Dowe ha già mostrato tutte le sue qualità offensive nella sua ultime stagione a Sassari. Completano lo starting five i lunghi Mike Daum e Tashawn Thomas, con una second unit che non fa mancare soluzioni ed esperienza (c’è anche l’ex Brescia Andrea Zerini).

Le amichevoli hanno dato ottimi segnali: al Trofeo Lovari sono arrivate vittorie convincenti con Pesaro e Venezia, precedentemente Tortona aveva battuto nettamente Trento e aveva perso solo di 10 punti con Milano. Martedì sera è arrivata anche una sconfitta di un solo punto contro un’altra squadra di Eurolega, il Baskonia, a sottolineare la qualità del roster di Ramondino. Rispetto a Brescia la Bertram ha cambiato più giocatori, perdendo due attaccanti del livello di Christon e Macura e cercando di allungare la rotazione e distribuire più omogeneamente le responsabilità offensive. Forse Tortona potrebbe arrivare al PalaLeonessa un po’ più indietro nei lavori rispetto a Brescia, ma la squadra resta di altissima qualità. Severini e Strautins si sono riaggregati solo questo mercoledì dopo una breve vacanza per aver giocato il Mondiale.

Quintetto: Obasohan, Dowe, Weems, Daum, Thomas

Rotazione: Baldasso, Candi, Strautins, Severini, Radosevic, Zerini, Tavernelli

Milano resta davanti a tutti, ma a Brescia dovrà fare delle scelte. L’Olimpia ha fatto il colpo dell’estate ingaggiando Nikola Mirotic e ha allestito un roster da playoff di Eurolega. Ma per la Supercoppa Ettore Messina ha qualche nodo da dover sciogliere. Saranno assenti Billy Baron (recupero da un’operazione al gomito) e Diego Flaccadori (problema muscolare), mentre Maodo Lo, Tonut, Ricci, Voigtmann e Melli hanno iniziato a lavorare con il gruppo solo in queste ore, reduci dalla World Cup. Con solo 6 stranieri da poter portare a referto, Messina si affiderà alla coppia Pangos-Hall in regia (portando dunque tre lunghi stranieri e dando tanti minuti a Tonut e Bortolani) o si porterà anche Maodo Lo rinunciando ad un lungo?

E’ possibile che l’allenatore ex Spurs si affidi al gruppo con cui sta lavorando da diverse settimane e lasci dunque fuori Maodo Lo. Se così fosse, oltre a Mirotic, Melli e Caruso ci sarebbero altri due lunghi stranieri: molto probabile l’impiego di Alex Poythress, per il secondo posto dovrebbe essere corsa a tre tra Voigtmann, Hines e Kamagate (con quest’ultimo che pare un po’ più indietro nei lavori e potrebbe essere escluso). Con questo roster ed una preseason confortante, Milano parte davanti a tutti, seppur con qualche interrogativo. Occhi puntati soprattutto su Kevin Pangos, reduce da un’annata deludente e da amichevoli con alti e bassi: senza un backup di ruolo in questa Supercoppa, a maggior ragione, tante fortune offensive dell’Olimpia passerebbero dalle sue mani.

Quintetto: Pangos, Tonut, Shields, Mirotic, Poyhtress

Rotazione: Hall, Bortolani, Ricci, Melli, Caruso, Hines (?)

Le turbolenze in casa Virtus Bologna. La Virtus ha fatto i conti con partenze importanti, soprattutto quella di Milos Teodosic: la squadra di quest’anno resta in prima fila per quanto riguarda la LBA, ma ci sono un po’ di interrogativi. Con l’improvviso cambio in panchina Scariolo-Banchi è difficile fare previsioni per questa Supercoppa. Bologna ci arriverà al termine di una settimana turbolenta, con Pajola e Polonara che hanno iniziato ad allenarsi con la squadra solo in questi giorni, Dobric infortunato e il dubbio relativo a Lundberg. Sarà inserito nuovamente in squadra? Anche se fosse, potrebbe comunque non essere nei 12 il prossimo sabato. La Virtus parte dietro all’Olimpia nel pronostico, rischiando di soffrire soprattutto nel reparto lunghi: ma in una gara secca tutto può succedere.

Quintetto: Hackett, Belinelli, Cordinier, Shengelia, Cacok
Rotazione: Mickey, Polonara, Abass, Smith, Pajola, Dunston, Mascolo

(Nella foto in evidenza Mirotic, Banchi e Weems)