LA GERMANI SI RIMETTE IN MOTO CONTRO UNA PESARO CHE NON PUO’ PIU’ SBAGLIARE: E’ UN TESTA CODA PERICOLOSO

Voglia di rivincita per Brescia dopo la deludente Coppa Italia: in campionato riparte dal primo posto e da cinque vittorie di fila con uno scarto medio di +21, i marchigiani penultimi sono in rottura prolungata da otto partite

Brescia. Per la sesta di ritorno del campionato Lba, prendiamo a prestito, rimaneggiato viste le velleità anche se burlesche e iperboliche dell’autore, quel “s’i fosse foco arderei ‘l mondo” incipit di una delle poesie più note del senese Cecco Angiolieri poeta ai tempi di Dante, che così consegnava al mondo la sua volontà di dominarlo con quel grande ardore, forse un po’ eccessivo e ribelle ma che esalta gli animi, un atteggiamento che questa domenica alle ore 19  il popolo biancoblu si attenderà dalla Germani ospite del club marchigiano della Vuelle Carpegna Prosciutto Pesaro.

Brescia. Reduci da una Final Eight terminata sul nascere, ma anche da una settimana di lavoro intensivo dopo lo stacco della Nazionale in cui John Petrucelli si è reso protagonista di due prestazioni importanti lasciando la sua zampata difensiva a marchio delle altrettante due vittorie degli azzurri valide per le qualificazioni agli Europei 2025, i ragazzi di coach Alessandro Magro sono ora attesi al rush finale delle dieci giornate possibilmente da protagonisti. Partita dopo partita la Germani cercherà, come anche apertamente dichiarato da uno dei suoi protagonisti Kenny Gabriel, durante l’ospitata a basket time 2.0 mercoledì scorso, di raggiungere l’obiettivo più ambito dei play off cullando sogni di gloria anche per una finale scudetto prendendosi quindi la consapevole , stimolante quanto pesante, responsabilità di difendere l’attuale primato di classifica. Sempre all’insegna del divertimento e del bel gioco a cui ha abituato il proprio pubblico, con l’atteggiamento e la volontà dichiarata di essere un gruppo sempre più coeso e sempre più forte.

Primo ostacolo da aggirare è con una Vuelle Pesaro con la quale, per non incorrere in particolari problemi, i biancoblù dovranno avere la capacità di dirigere l’inerzia della gara a proprio favore sin dai primi minuti piazzando semmai, come nelle ultime di campionato, il break decisivo già prima dell’intervallo lungo. Napoli  ha sicuramente insegnato nella Final Eight e lasciare a Pesaro la possibilità di prendersi anche il minimo spazio potrebbe risultare controproducente per i bresciani, visto l’atteso grande appetito degli avversari.

Pesaro. E se la Germani dovrà ritrovare immediatamente il proprio ardore, ripartendo dalle cinque vittorie di fila con uno scarto medio di 21.6 con cui si era messa in stand by prima della Coppa Italia, Pesaro entrerà in campo con quel senso di urgenza e ripetendosi che “Non può piovere per sempre” essendo reduce da otto sconfitte di fila. Da un inizio stagione che sembrava promettente, ma di acqua ne è passata sotto i ponti della Vitrifrigo Arena e se finisse oggi il campionato la Carpegna sarebbe retrocessa con il penultimo posto. Esonerato coach Buscaglia a lui si è avvicendato ad inizio gennaio Meo Sacchetti, ma l’effetto dell’ex ct azzurro ancora non si vede. Tra presunte voci di mercato smentite su pilastri del roster (Totè e Tambone) e le durissime dichiarazioni del presidente Ario Costa contro il sistema arbitrale, a Pesaro l’aria è… frizzante. Il palmarès della stagione dei pesaresi al momento segnala 5 partite vinte e 20 perse. Salutato Ray McCallum dalla Spagna e arrivato Cinciarini, negli ultimi giorni il club ha dato l’addio anche al centro Egidius Mockevicius e per questa ultima importante fase la società ha reclutato due giocatori come McDuffie, già visto a Napoli, e proprio in settimana è arrivato Justin-Wright Foreman, che daranno benzina al run and gun di coach Sacchetti. Insomma per Pesaro ci saranno tutti i presupposti per dimostrare di meritare ancora la grande chance di rimanere nel campionato di punta, e la sfida con la capolista ha indubbiamente tutti gli ingredienti giusti per cercare di mettere un solido mattone. Non dimenticando che la sconfitta di misura dell’andata farà ancora da motivazione per prendersi una rivincita.  

Vivetela con noi. Dalle 19 su queste colonne la cronaca testuale del match e a fine gare subito i voti e il tabellino con la cronaca. A seguire le interviste, il commento, pagelle con giudizi e foto del match.